Il nome finto

Il nome finto

Ci sono alcune storie divertenti dietro ai nomi d’arte. Per esempio quella di Sid Vicious, nome d’arte di Simon John Ritchie.

Il criceto di Johnny Rotten che si chiamava Sid lo morse, cosi Simon esclamò : your Sid is Vicious! Da lì tutti a chiamarlo cosi.

O quella di Nicolas Cage, che si chiama in realtà Nicolas Kim Coppola, nipote del famoso e importante regista Francis Ford Coppola. Dopo un litigio con lo zio Nicolas decise di non voler portare più il peso di quel cognome e lo cambiò in Cage, per i fumetti di Luke Cage.

Io non ho una storia particolare, anche se mi piacerebbe. Ho cambiato il mio nome quando ho iniziato a fare la dj. Quello vero è impronunciabile per gli italiani, mi chiamo Morwenn Moguerou. Quando mi telefonano per vari abbonamenti si aspettano sempre un uomo, quando mi presento dal vivo invece il nome viene storpiato in tutti i modi. Cercavo qualcosa di semplice e che suonasse bene da scrivere sui flyer in discoteca. Mi piaceva l’assonanza tra ‘Ema’ e ‘Stokholma’.  Mi sembrò una buona idea poi fingere che centrasse la sindrome di Stoccolma ma è una bugia. Era solo una questione di suono.

Poi c’è Jason Derulo, che si chiama in realtà: Jason Desrouleaux.

No Comments

Post A Comment